Business intelligence: il valore per le PMI

12 Dicembre 2018 admin

La Business intelligence attraverso l’analisi dei dati dovrebbe essere l’attività che guida le aziende nel realizzare giornalmente il proprio business.

I big data presenti in rete sono un potente strumento di analisi di mercato in tutte le sue componenti, che permette di disegnare pattern precisi sui comportamenti delle persone e sulla domanda di mercato. Lo scopo finale è quello del miglioramento delle performance del proprio marchio in ottica di growth hacking: di crescita costante.

L’indagine del proprio mercato realizzata con un approccio data driven, incide in modo importante sui processi interni e su come debbano essere connessi: considerare i dati esterni ed interni dell’azienda come un vero e proprio datawarehouse: uno snodo di informazioni disponibili a diversi livelli.

Big Data analytics: intelligence per il business

Il vantaggio di un business data driven è quello di avere la possibilità di disegnare le strategie di marketing, di progettazione la user experience del consumatore, di creare la propria comunicazione, di profilare e segmentare la propria offerta di prodotto servizio, proprio a partire dai dati (esteri o interni) che il consumatore stesso fornisce. Per fare questo è necessario acquisire un mind-set che ci permetta di spostare l’attenzione dal prodotto alle pratiche di consumo. Significa impostare il business secondo un nuovo paradigma. Identificare le pratiche di consumo significa identificare i touch point e come siano utilizzati dalle persone in termini di “spazio vissuto”: si tratta del cosiddetto marketing esperienziale che ci permette poi di studiare ed analizzare in modo oggettivo l’atto pragmatico dell’acquisto.

Abilità di lettura dei big data

Saper organizzare , leggere e interpretare i big data per disegnare una corretta business intelligence, permette di posizionare la propria azienda non solo come semplice fornitore di prodotto,  ma come azienda vicina alle esigenze dei clienti ed alle sue reali pratiche di consumo nella centralità del suo quotidiano.