Faceboooooook

Interessante il post di Giuseppe Cutrone che riporta un pensiero di Sean Parker, fondatore di Napster, secondo il quale il più grosso problema di Facebook è la grande quantità di dati che letteralmente “sommerge” gli utenti, a tal punto da confonder loro le idee. Siamo in overload non di informazioni, ma di “metadati” dai quali sfido chiunque a venirne fuori. Dato che la mission finale di FB è quella di facilitare/costruire relazioni, è in questo senso che il proprio profilo e le varie informazioni che gravitano attorno ad esso vanno gestite. Segmentare la propria audience è il primo passo, facile a dirsi meno a farsi, per l’irresistibile prurito che  si ha sul dito indice nell’accettare una nuova “amicizia”. Fino a qualche tempo fa la agra era a chi aveva più “amici” senza alcun criterio. Non segmentare al meglio la propria audience, significa essere letteralmente investiti dall’overload.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>